Nel Lazio, una delle zone vitivinicole più importanti è rappresentata dalla denominazione Roma doc. Nata nel 2011 con solo 35 ettari vitati è cresciuta fino ad arrivare agli attuali 235 per una produzione di circa 500mila bottiglie.
A giugno di quest’anno, con l’obbiettivo di raggiungere il 100% della filiera iscritta, nasce il Consorzio Roma doc…..finalmente anche la doc che prende il nome dalla cosiddetta città eterna ha un suo consorzio.
 
Cogliamo quindi l’occasione per ricordare quali sono i vitigni principali usati per i vini Roma doc …..e quindi, a bacca bianca troviamo:
la Malvasia puntinata, il Bellone, il Bombino bianco, il Trebbiano giallo e il Trebbiano verde.
A bacca rossa invece sono previsti:
il Montepulciano, il Cesanese di Affile, il Cesanese Comune, il Sangiovese, il Cabernet Sauvignon, il Cabernet Franc e il Syrah.
Vitigni questi che danno origine a 7 tipologie di vini: il Malvasia puntinata, il Bellone, il Romanella spumante…….e poi ovviamente, per gli altri vitigni, le versioni bianco o rosso……che troveremo anche nella versione amabile e, per il rosso, anche in riserva….. e per finire c’è anche la tipologia rosato. 
Bene, a questo punto la mia curiosità mi spinge a chiedervi quali sono state le vostre esperienze con questi vini……
 

Vuoi promuovere la tua attività? Contattaci