Questo articolo fa parte di una web series:

  1. Le distillerie Poli: La Storia ed i Prodotti

La grappa è un distillato ricavato dalla distillazione delle vinacce, ovvero le bucce dell’uva dopo che questa è stata spremuta per fare il vino. Per cui, la distillazione della grappa è uno dei modi i cui gli scarti della produzione del vino vengono riciclati acquisendo nuovo valore nel mercato. È la prova, forse, di come i nostri avi avessero già capito, senza conoscerla, quella che oggi noi chiamiamo l’economia circolare. Le origini questo prodotto e delle tecniche di distillazione non sono chiare. Una leggenda fa risalire la distillazione della Grappa addirittura al I secolo a.C ad un legionario romano che, di ritorno dall’Egitto, dove aveva trafugato un impianto di distillazione, si mise a distillare grappa da un vigneto di cui era assegnatario in Friuli. Quello che è certo che la zona della pedemontana triveneta e nello specifico la zona di Bassano del Grappa hanno avuto un ruolo chiave nello sviluppo di questo prodotto. Se vi fosse venuto il dubbio, come a noi, dell’esistenza di una relazione tra il nome Bassano del Grappa e il nome della Grappa, nulla di più sbagliato. Il primo è legato al Monte Grappa mentre il secondo deriva da grapa ovvero il nome con cui è chiamato il raspo.

Eravamo partiti con il voler fare una pillola sulla Grappa, ma poi incuriositi da questo mondo di alambicchi e pozioni magiche, abbiamo deciso di andare ad incontrare una delle aziende storiche per la produzione della grappa e sviluppare, assieme a loro, una web serie su questo modo parallelo. L’azienda in questione è Poli. L’azienda, fondata nel 1898 da Giobatta Poli, è fortemente impegnata nella conservazione e diffusione della memoria storica associata a questo prodotto. Ha infatti creato due musei. Il primo ospitato nel centro di Bassano ed il secondo nella attuale sede produttiva. Ci è sembrato quindi naturale rivolgersi a loro per scoprire i segreti di questo prodotto. Assieme a loro percorreremo un tragitto che ci farà scoprire

  • La loro storia;
  • Le tecniche di distillazione;
  • La differenza tra grappa e liquore a base di grappa;
  • La barricai, gli angeli e i fidi ladri;
  • I loro prodotti;
  • La storia raccontata dal museo della Grappa.

Partiamo quindi dalla storia. Le distillerie Poli, come si diceva, sono state fondate da Giobatta Poli nel 1898. Siamo quindi nel centoventesimo anniversario di fondazione. Il buon Giobatta, però, non aprì una distilleria, ma un’osteria: Il Cappello. Un’osteria che si collocava lungo una strada importante – la marosticana, che collega Vicenza a Marostica e segue tutta la pedemontana fino a Nervesa della Battaglia – e in prossimità di una delle stazioni della storica strada ferrata della Vaca Mora. Giobatta, grazie all'osteria cominciò a distillare e ben presto ne viene affascinato. Una passione che trasmise al figlio e alle generazioni a seguire.

Oggi siamo alla quarta generazione. La generazione di:

  • Jacopo;
  • Barbara;
  • Giampaolo;
  • Andrea.

Un ‘azienda quindi che ha saputo sopravvivere e si è resa protagonista dei molti cambiamenti che hanno caratterizzato l’evoluzione storica di questo prodotto negli ultimi 120 anni. La grappa, infatti, ha cambiato il proprio significato sociale ed economico. Prima era un distillato che serviva per riscaldarsi d'inverno. Era un corroborante. Un pasto. Oggi è un prodotto da degustazione. Un prodotto che regala un profilo aromatico. Regala i profumi di un vitigno, di uno stile e di un metodo di distillazione.

Oggi distillare è un'arte che si è raffinata moltissimo.

Poli utilizza quattro metodi di distillazione.

  • a vapore
  • con le caldaiette.
  • a bagnomaria
  • a bagnomaria sottovuoto (unici al mondo a farlo).

L’offerta dell’azienda è categorizzabile in tre linee:

  1. Distillati affinati in legno;
  2. Distillati “giovani”;
  3. Infusioni, dove un elemento terzo che, in infusione, mi regala un altro profilo aromatico (più sull'erbaceo, più sul floreale o più sul frutto).

La produzione oggi conta 45 diverse offerte organizzate in diverse linee di prodotto

  1. Grappe, sia affinate in legno, giovani o aromatiche;
  2. Distillati di vino, d'uva, di frutta;
  3. Gin;
  4. Gli elisir.

Vuoi promuovere la tua attività? Contattaci