AcinoNobile da Venissa

Il progetto Venusa fa sempre parte di Venissa: è un altro modo per raccontare le realtà della Venezia nativa di questa laguna, dove qualsiasi cosa cresca ha un gusto diverso. Si è voluto valorizzare non solo il vino, ma
anche altri prodotti locali come le marmellate con le frutte della laguna o una birra, fermentata con il santonico che è un particolare tipo di assenzio marittimo, che cresce in laguna di Venezia. Stiamo anche pensando di fare un Vermuth usando questo tipo di fermentazione, perchè

L'isola di Santa Cristina si raggiunge solo accompagnati dei pescatori, perchè solo chi conosce bene la laguna riesce a raggiungerla. Qui c'è un vigneto di quasi 50 anni di Merlot e Cabernet. Con il progetto Venusa si è voluto iniziare questa produzione di vino che, a seconda dell'annata e a seconda della differenziazione delle uve, da risultati diversi: la parte che può avere un invecchiamento in bottiglia oltre i 10 anni va a produrre il rosso Venissa; quella invece che può avere un invecchiamento tra i 5 e 10 anni, viene prodotta come rosso Venusa.

Il rosso Venusa è il risultato di Merlot (80%) e Cabernet (20%). Siamo quindi di fronte all'incontro tra uve internazionali e un terroir molto particolare, le cui principali caratteristiche sono salinità e mineralità. Questa bottiglia è un 2013, che fa una prima parte in acciaio e successivamente 18 mesi in barriques. Al naso è pieno, rotondo e speziato: ha quindi tutte le caratteristiche di un grande Merlot. Anche in bocca si rivela un grande vino: molto complesso, note speziate, note di frutti rossi. Ha un finale asciutto, sempre minerale, nonostante spesso il Merlot tenda ad essere "marmellatoso". In questo caso mantiene una bella eleganza: questo avviene grazie alla laguna. Si abbina molto bene con piatti a base di carne, in particolare il prodotto locale con cui lo si abbina è l'anatra.

Vuoi promuovere la tua attività? Contattaci