Cavalchina: Come nasce il Bianco di Custoza Superiore Amedeo

Cavalchina: Come nasce il Bianco di Custoza Superiore Amedeo

Articolo pubblicato il 02/01/2018

[Acino Nobile] In azienda agricola Cavalchina, in compagnia con il signor Luciano Piona, titolare dell'azienda, andiamo a degustare il Bianco di Custoza Superiore Amedeo.

[Luciano Piona] Amedeo è un vino che nasce nel 1996. Non è il nome di un singolo vigneto, ma è un riferimento aziendale forte perché il Principe Amedeo di Savoia è stato ferito nel 1866 qui nei nostri vigneti.

Nasce come selezione di uve. L'idea che sta alla base della nascita di questo prodotto è quello di dimostrare un po' le potenzialità di questo territorio portando alcuni processi un po' all'estremo. Per questo vino, chiaramente, oltre a selezionare le uve migliori, oltre a lavorare in modo molto prolungato, molto attento sulle sulle fecce, sulle fecce fini, che rimangono nel vino a fine fermentazione, abbiamo anche operato una tecnica particolare sull'uva Fernanda, che è quella che ha la parte aromatica più forte.

Abbiamo mutuato una tecnica che viene dal Nord dell'Europa e abbiamo congelato le uve prima della pressatura. Le uve vengono raccolte in piccole cassette di legno, vengono messe in un impianto refrigerante, vengono portate a -20 gradi e poi quando ritornano nell'intorno degli zero gradi vengono pressate. In questo modo il ghiaccio fa esplodere le cellule dell'epitelio, della buccia, e quindi andiamo a carpire nel più profondo quelle che sono le le identità di quest'uva.

Questo è un aspetto tecnico. Dal punto di vista dell'uva, noi da sempre alla Cavalchina operiamo una selezione massale. Quindi, queste uve che vanno a comporre l'Amedeo sono vecchi cloni selezionati dalla famiglia e riprodotti ed ambientati su questi vigneti.

Il vino prende forma ad aprile, va in bottiglia prima dell'estate, comincia la commercializzazione in settembre/ottobre. E' un vino che sta dimostrando una longevità estremamente importante. Spesso facciamo delle degustazioni verticali. Il 1996, primo hanno prodotto, spesso, se il tappo ce lo concede, è ancora un vino estremamente fresco e godibile. Cosa non comune in un vino bianco!

[Acino Nobile] Con cosa l'abbiniamo un vino così?

[Luciano Piona] Per me è un centro pasto importante. Un primo anche di buona struttura per andare anche su carni bianche. Questo, comunque, è un vino che tra tutti i vini di Cavalchina è quello che ci sta dando le soddisfazioni più grandi a livello di critica.

[Acino Nobile] Un'ultima cosa, ha una persistenza incredibile. Io lo sento lunghissimo. Assaggiate questo vino. Il mio consiglio è quello sicuramente di assaggiarlo se non altro perché questa annata è la dodicesima consecutiva in cui viene premiato con i tre bicchieri.

Vuoi promuovere la tua attività? Contattaci