[Dario] Fontezoppa, Incrocio Bruni 54, ne abbiamo parlato qualche giorno fa.

[Mauro] Esatto dell'incrocio Bruni sicuramente, ma Fontezoppa?

[Dario] Fontezoppa è un'azienda delle Marche. Dovete sapere che nelle Marche qualsiasi cosa ha un nome: una montagnetta, i fossi, i campi e questa nella fattispecie, Fontezoppa, è una sorgente dove sorgono i vigneti dell'azienda appunto Fontezoppa.

[Mauro] E questo, che vino è?

[Dario] Allora, come mi hai spiegato in una tua pillola, è un incrocio Bruni 54. 54 perché è il cinquantaquattresimo tentativo che ha fatto Bruni per incrociare il Sauvignon con il Verdicchio. Quindi ne abbiamo parlato diffusamente, ma oggi ci troviamo davanti a quest'azienda. Dovete sapere che ha due sedi: una a Civitanova Alta, a 2/3 chilometri dalla costa, quindi tutti i suoi vigneti prendono l'influsso del mare, e una a Serrapetrona che è alla base dei Monti Azzurri.

[Mauro] Di fatto Fontezoppa io la conosco già, proprio a Serrapetrona fanno la Vernaccia Nera che è la Vernaccia di Serrapetrona, un rosso decisamente interessante, ma tornando al nostro Incrocio Bruni: come abbiamo detto nella precedente pillola, è un incrocio tra il Sauvignon e il Verdicchio che ha fatto il professor Bruni e quindi ora lo degustiamo.

[Dario] Assolutamente. Il profumo devo dire che è veramente interessante.

[Mauro] Al naso è molto intenso, molto rotondo, ha note sia floreali che fruttate. Tu cosa ci senti?

[Dario] Io sento un floreale però non riesco molto a identificare il fiore.

[Mauro] Come fiore, il primo che mi viene in mente è la rosa: delicata ma intrigante.

[Dario] Ti credo sulla parola. E invece il frutto?

[Mauro] Il fruttato ha una nota sia di pesca che di melone bianco.

[Dario] Allora, adesso che me lo dici il melone bianco un po' lo sento, la pesca no, ma sono ancora giovane.

[Mauro] Ha una buona mineralità e anche una buona complessità. In realtà in bocca si rivela molto ampio come varietà di gusti. Ha sentori gusto-olfattivi infiniti, volendo potremmo stare qua a tirar fuori sia fiori che frutti, almeno per una decina di tipi. Non volendo esagerare, diciamo che si riscontrano in bocca più o meno i settori che avevamo previsto al naso ma con un'eleganza impressionante.

[Dario] L'idea è che mi viene proprio da riassaggiarlo subito.

[Mauro] Infatti ho ripreso il bicchiere in mano.

[Dario] Io mi immagino in una terrazza fronte mare con questo bicchiere e un risotto di gamberetti, cosa ne dici?

[Mauro] Il risotto di gamberetti sicuramente è una possibilità, anche perchè la sua morbidezza, secondo me, si accompagna bene con con questo vino, onestamente ci abbinerei anche qualcosa di più complesso, giusto per equilibrare la complessità che ha nel gusto. A me vengono in mente dei calamari ripieni.

[Dario] Prossimo giro che facciamo nelle Marche io ordino il risotto di gamberetti e tu dei calamari ripieni.

Evviva!!!

Vuoi promuovere la tua attività? Contattaci