Per chi come me non è un'esperto e ha ospiti a cena e deve accostare dei piatti a dei vini, come fa? io ho 2 tecniche, la prima è infallibile: chiamo Mauro in negozio: (Dario al telefono) scusa mauro stasera ho amici e ho preparato una pastasciutta coi caparossoi e di secondo ho branzino ai ferri cosa accosto di vino? (mauro al Telefono) guarda dario facciamo prima, passa qua che risolviamo. Invece se voglio arrangiarmi ho scoperto in questo libro di Giuseppe vaccarini "il manuale degli abbinamenti" qui troviamo i 10 comandamenti dell'abbinamento secondo Raymond Dumay, un professore e giornalista francese che nel suo libro “Guide du Vin” ha stilato delle regole base per riuscire per lo meno a non fare errori grossolani
e quindi eccoli:
1. Nessun grande vino liquoroso, sia esso bianco o rosso, deve essere servito con la selvaggina. Gli zuccheri residui del vino, infatti, renderebbe disgustoso il gusto selvatico della carne.
2. Nessun grande vino rosso deve essere servito con pesci, crostacei o molluschi, a meno che vengano serviti dei vini rossi leggeri di struttura, e soprattutto dal limitatissimo contenuto in tannini, con una salsa a base di vino rosso.
3. I vini bianchi secchi devono essere serviti prima dei vini rossi, anche se esistono alcune eccezioni in funzione dell’abbinamento proposto col cibo.
4. I vini leggeri devono essere serviti prima di quelli robusti.
5. I vini freschi devono esser serviti prima di quelli a temperatura ambiente. Questa indicazione vale anche per i vini bianchi dalla spiccata acidità.
6. I vini devono essere serviti secondo una gradazione alcolica crescente, in modo che il vino che si sta bevendo non faccia rimpiangere quello precedente.
7. Ogni piatto di portata deve avere il giusto abbinamento col vino, scelta che deve essere fatta con cura e in sintonia con le sensazioni organolettiche di entrambi. Se si dispone di pochi vini, è consigliabile servire pochi piatti.
8. Bisogna servire i vini nella loro migliore stagione, non solo dal punto di vista climatico, ma anche da quello evolutivo.
9. Prima di passare da un vino all’altro è opportuno separarli con un sorso d’acqua, purché abbia le caratteristiche appropriate, in modo da stimolare una vera e propria armonizzazione tra cibo, vino e acqua.
10. Mai servire un solo grande vino nelle occasioni importanti. Questo deve essere sempre accompagnato da altri vini della stessa “categoria” o “rango”.
forse non sono proprio dei comandamenti ma sicuramente sono dei buoni consigli che sono stati ripresi dalla scuola Italiana.
e voi come fate?

Vuoi promuovere la tua attività? Contattaci